Pallotte cac’e ove: un piatto povero ma ricco di gusto

Ormai è noto che la stragrande maggioranza delle ricette e dei piatti più gustosi, sono figli della tradizione e della semplicità. Non esistono chef stellati che possano reggere il confronto con la maestria, l’esperienza e l’amore che le nonne di tutta Italia hanno quando cucinano un piatto tipico.

Quanti di voi, anche adesso mentre leggete, state ripensando a quel sugo particolare, a quella torta, a quelle polpette che mangiavate da ragazzi quando andavate dai nonni la domenica.

Sono ricordi indelebili, che ci portiamo dietro, spesso ricercando quegli odori e quei sapori nella nuova cucina. Ma è praticamente impossibile. La tradizione è tradizione, per questo oggi vi porteremo nuovamente in Abruzzo per parlarvi di un piatto unico nel suo genere: le pallotte “cac’e ove”.

Come possiamo dedurre dal titolo, le pallotte sono fatte di un morbido e gustoso impasto di uova, mollica di pane (bagnata nell’acqua e poi strizzata), formaggio grattugiato (no limits), aglio e prezzemolo. Una volta create queste polpette, si mettono a friggere in olio ben caldo, fino a quando non diventano dorate. Una volta scolate, si fanno rosolare per una ventina di minuti in un sugo di pomodoro, basilico, olio e cipolla.

Se tra un passaggio e l’altro (e i vari doverosi assaggi) ve ne sono rimaste abbastanza, vanno poi servite in delle ciotole con sopra abbonante sugo e naturalmente tanto formaggio.

Le pallotte le potete trovare nella maggior parte dei ristoranti abruzzesi e in alcuni locali le propongono anche con l’aperitivo e siamo sicuri che quando le assaggerete e poi tornerete a casa, vi metterete subito all’opera per cucinarle e perdervi nel loro incredibile gusto.

Il nostro consiglio però, resta quello di prenotarvi una vacanza in Abruzzo con CLiCK iT, per rilassarvi fra gli straordinari paesaggi di questa regione e poi la sera trovare un ristorante tipico per assaggiare le pallotte e altri piatti della tradizione.

 

Noi abbiamo selezionato per voi questa proposta qui sotto, non vi resta che prenotare e partire!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *