Vedi mappa

Visti di recente

Etnamente

6 risorse disponibili
Elenco
Elenco
Griglia
A pochi chilometri da Linguaglossa, ridente paesino sul versante settentrionale dell'Etna, lungo la strada provinciale  "MareNeve" che conduce a Piano Provenzana- stazione sciistica- si giunge ad un complesso di coni a "bottoniera", i "Monti Sartorius". Percorrendo un sentiero che parte ad un altitudine 1800 m, il percorso, riveste grande interesse sia dal punto di vista geologico che botanico,ricco di specie endemiche, bombe vulcaniche di notevoli dimensioni e boschi dominati da betulle (betula aetnensis). L'eccezionale interesse geologico è dato dall'impressionante colata lavica che nel 1865 diede origine ai Monti Sartorius (in onore e memoria dello studioso Sartorius von Waltershausen, che fu tra i primi a segnalare cartograficamente le eruzioni  più significative dell'Etna) caratterizzato dall'allineamento di sette coni eruttivi ("bottoniera"). Il percorso segue un sentiero ad anello chiuso fino al punto di partenza presentando un dislivello fino a 100m dalla sella che divide i sette coni eruttivi.

Al termine del trekking, ci sposteremo alla “Grotta della Neve”, un interessante tunnel lavico di importanza storica e culturale per la Sicilia.



1-10
Itinerario molto suggestivo, con partenza da Piano Provenzana, sede degli impianti di risalita, che fu teatro della terribile eruzione che nel 2002 ha segnato in modo molto incisivo il territorio, distruggendo parte della secolare Pineta di Linguaglossa. Attraverso un facile sentiero, cammineremo lungo l'asse eruttivo e il canale di scorrimento lavico. Trekking in cima ai grandi coni di scorie formatisi durante l'eruzione , per effetto delle esplosioni. Attraversamento la colata lavica del 1923, dei piccoli coni di scorie dell'eruzione del 1911, ai piedi del Monte Nero, circondato da una vegetazione incredibile; piante pioniere di tutti i colori, e profumi inebrianti. Ritorno a Piano Provenzana.

1-10
Partendo da Rifugio Citelli 1740 m s.l.m., ci inoltreremo lungo il sentiero  attraversando un bosco di betulle dalla splendida corteccia argentata. Proseguendo lungo il percorso incontreremo diversi canaloni di pietra lavica, di colore grigio-blu,  frutto dell’erosione delle acque piovane sulle lave, fino a raggiungere la grotta lavica di Serracozzo, nata durante l’eruzione del 1971. Unica nel suo genere, avendo una bizzarra forma a buco di serratura. Il trekking proseguirà in salita fino a raggiungere l’orlo della Valle del Bove, dove improvvisamente si aprirà un magnifico panorama che va dai crateri sommitali al mare. Continuando a camminare in cresta ammireremo un paesaggio vulcanico unico e dall’importantissima valenza ambientale e naturalistica. Pic-nic lungo il percorso, adiacente alla grotta.
1-10
Aspettare l'alba sull'altopiano dell'Argimusco è un'esperienza quasi mistica: i profili delle rocce, il silenzio rotto solo dai richiami degli uccelli, il panorama che si estende a 360 gradi. È come vivere un sogno. Il pianoro si trova a 1200 m s.l.m. vicino al borgo di Montalbano Elicone, in provincia di Messina, ed è spesso definito "la Stonehenge" della Sicilia, anche se qui non troverete megaliti ma pietre naturali.

È un luogo che conserva il fascino del misticismo che l'ha avvolto dalla notte dei tempi. Impressionanti pietre plasmate per millenni dal vento e dalla pioggia che l'uomo ha utilizzato fin dall’Età del Bronzo per riti sacri e l’osservazione astronomica. Visti da certe angolazioni, le grandi rocce rivelano forme incredibili, tra le quali le più famose sono l'orante, la scimmia e l'uovo filosofale.

In attesa del sorgere del sole, vi verrà offerta una bevanda calda accompagnata da biscotti di produzione locale. Visiterete il sito con una guida ambientale che vi fornirà dei bastoncini da trekking.
1-10
Itinerario molto suggestivo, parte da Piano Provenzana, teatro della terribile eruzione che nel 2002 ha segnato in modo molto incisivo il territorio della Pineta di Linguaglossa e distrutto la stazione sciistica. Attraverso un facile sentiero, cammineremo lungo l'asse eruttivo e il canale di colata lavica. Inizieremo la risalita dei coni di scorie formatisi durante l'eruzione del 2002. Attraverseremo la colata lavica del 1923 e del 1911, ai piedi del Monte Nero, e attraverso i vasti campi lavici, raggiungeremo la faggeta dove ci fermeremo al Rifugio Timparossa. Proseguiremo per la Grotta dei Lamponi, lungo il suggestivo "Passo dei Dammusi", raro esempio di lava "pahoehoe" sull'Etna. Ritorno a Piano Provenzana.
1-10
Scopriamo Etna, uno dei vulcani più attivi dl mondo e tra i più affascinanti.
Trekking a Piano Provenzana, teatro di una terribile eruzione che , nel 2002, distrusse gli impianti di risalita della piccola stazione sciistica e si arrestò a pochi chilometri dal paese di Linguaglossa.
Continueremo con la visita ad una grotta di scorrimento lavico, muniti di caschetti e torce, per un'avventura avvincente.
Concluderemo con una degustazione di vino presso una delle più prestigiose cantine di produzione vino Etna D.O.C.
1-10
via alessandro manzoni 25, 95015 linguaglossa , italia
Info utili:
Check-in
Check-out
Trekking , tour delle grotte di scorrimento lavico, visite in cantina e degustazioni.