Luoghi inaspettati e undertourism da vedere a Venezia

Libreria “Acqua Alta”

Amate il fascino senza tempo di antichi libri rilegati e l’odore inconfondibile delle loro pagine?

E se tutto questo fosse condito da un po’ di stravaganza e magia, con libri che riempiono vecchie
gondole
, canoe, vasche da bagno e barili? 

Stiamo parlando di uno dei più antichi locali di Venezia, la libreria “Acqua Alta”, dove le vecchie enciclopedie fiancheggiano le pareti, diventando i gradini di un’incredibile scalinata, tra una inaspettata e vasta selezione di libri che parlano di qualsiasi argomento e in tantissime lingue.

E se vedete dei libri muoversi su uno degli “scaffali”, beh potrebbe essere davvero magia… oppure solo uno dei gatti che ogni giorno vagano per la libreria, in cerca delle coccole dei visitatori.

La libreria è aperta tutti i giorni dalle 9 alle 20.

Il Ghetto Vecchio – Il più antico e affascinante d’Europa

Immergetevi in quartiere storico e ricco di fascino e racconti: Il Ghetto Vecchio, uno tra i primi posti al mondo in cui già all’inizio del 16° secolo vennero segregati oltre 5.000 ebrei da tutta Europa. Questi lavoravano per la maggior parte in una fonderia di acciaio, che in dialetto veneziano si chiama “ghèto”, da qui viene l’odierno nome utilizzato in tutto il mondo, ghetto.

E se volete calarvi ancor più nello spirito del quartiere potrete assaggiare delle specialità tipiche ebraiche presso il ristorante Gam Gam Kosher, o arrivare per uno spuntino veloce fino al Panificio Giovanni Volpe, dove potrete trovare pane fresco e dolci tipici della tradizione ebraica.

Calle Varisco: la calle più stretta e misteriosa di Venezia

Se siete amanti del brivido e delle leggende (e non soffrite di claustrofobia), allora non potete perdervi una visita alla Calle Varisco, la più stretta di tutta Venezia. Larga (o stretta) solo 53 cm, potrete percorrerla a piedi assaporandone tutto il fascino, inoltre, la leggenda narra che se un assassino attraversasse Calle Varisco, verrà inghiottito dalle mura della piccola via.

Ponte chiodo

State cercando una scarica di adrenalina per ravvivare il vostro pomeriggio?

Ponte Chiodo è uno dei 446 ponti di Venezia e si trova nel Sestiere di Cannaregio, la sua esclusività sta nel fatto che è l’unico ponte senza le protezioni laterali, rimasto esattamente come venivano costruiti una volta. Sarà una forte emozione attraversarlo, magari evitate se c’è troppo vento!

Chiodo è il nome della nobile famiglia veneziana che una volta possedeva il ponte, una tra le più particolari mete undertourism di Venezia. Nei pressi della zona sarà inoltre possibile ammirare la Scuola Grande della Misericordia, uno dei capolavori del grande architetto Jacopo Sansovino.

La fermata del vaporetto più vicina è “Ca’ d’Oro” (linea 1)

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *